Content and Language Intergrated Learning

Il Progetto inglese nelle scuole dell’infanzia del Comune di Milano

Il “Progetto inglese” nelle scuole dell’infanzia del Comune di Milano è stato avviato dal 2004.  

“L’accostamento ad una seconda lingua nell’infanzia da un lato può sia favorire una maggiore elasticità mentale, che facilitare l’apprendimento di una migliore sensibilità fonetica, dall’altro contribuire a formare una più ricca visione del mondo e promuovere un confronto tra la propria cultura e le altre.

Una lingua straniera, inserita nel quadro generale della programmazione didattica, è uno strumento che porta ad accrescere le relazioni interpersonali del bambino.

Nelle scuole dell’infanzia comunali quindi ancora oggi, si prosegue con le attività di approccio alla lingua inglese sulla scia degli interventi realizzati negli ultimi anni (ovvero attività di inglese rivolte ai bambini di 5 anni) ampliando progressivamente l’introduzione della seconda lingua anche per i bambini di 3-4 anni, con un coordinamento tecnico-pedagogico e organizzativo di rilievo.

Sul piano organizzativo è prevista una diversificazione delle attività.

Per poter sviluppare l’attività di approccio alla lingua inglese in tutte le sedi di scuola dell’infanzia con educatori comunali e per poter inserire l’attività nella programmazione educativa e didattica delle scuole, è di primaria importanza l’attività di formazione in lingua da rivolgere al personale educativo comunale. Tale attività, già in atto da alcuni anni, prosegue in tale percorso, con la duplice finalità di:

rafforzare le competenze in lingua straniera degli educatori comunali

allargare progressivamente il numero degli educatori comunali in grado di “insegnare” la lingua inglese.

Gli educatori, dal modulo 2 possono iniziare a insegnare ai bambini ma devano completare comunque le 5 fasi del programma di Formazione (Modulo 1A, Modulo 1B, Modulo 2, Modulo 3 e Modulo di Consolidamento), al termine delle quali saranno in grado di attivarsi in modo autonomo nell’ideazione di interventi ludico/didattici fatti di momenti di gioco, canzoni, filastrocche e story-telling. Inoltre, la possibilità di fare riferimento al materiale didattico dedicato, sviluppato durante il percorso del progetto, permetterà loro di continuare ad accrescere e sviluppare ulteriormente le proprie competenze linguistiche e professionali. L’aumento progressivo del numero degli educatori formati permetterà una sempre maggiore integrazione del modello di approccio alla lingua inglese all’interno della programmazione didattica rivolta ai bambini della scuola dell’infanzia.”

Il Progetto

 

Exit mobile version